+39 328 8480149 info@alicemente.it

Il piano di risanamento aziendale in caso di difficoltà, fa riferimento ad una disciplina economica e si tratta, in pratica, di una ristrutturazione aziendale che avviene in due fasi:

  • si determinano le cause che hanno portato alla crisi;
  • si individuano le strategie per recuperare la redditività aziendale.

Se un’ impresa entra in crisi è necessario individuare le soluzioni per ripristinare gli equilibri economici e finanziari ricreando i presupposti per la continuità aziendale.

Mentre la vita d’impresa è normalmente scandita da periodi di crescita e declino (processo naturale) per parlare di crisi è necessario individuare un fenomeno caratterizzato da cause e sintomatologie, con un trend negativo, una situazione di forte instabilità, risultati economici negativi e carenza di liquidità seguita a momenti di insolvenza.

Attraverso la collaborazione di A&D Consulting e/o Alessandro Berzacola, specialisti in materia, Alicemente propone la redazione di un piano industriale necessario per illustrare:

  • strategie competitive,
  • azioni per il raggiungimento degli obiettivi,
  • evoluzione dei driver chiave e dei risultati attesi.

Il piano aiuta a non perdere lucidità, tracciando le linee guida per il risanamento dell’impresa con una visione a 360 gradi dell’azienda: verranno definiti con chiarezza le cause della crisi, gli obiettivi a breve termine che si intendono raggiungere, il percorso da seguire farlo e le soluzioni da adottare per ripristinare gli equilibri economico-finanziari. Il piano deve essere sottoposto all’attenzione degli stakeholders e in particolare:

  • banche per scongiurare il rischio di una revoca delle linee di credito di azioni di recupero forzoso;
  • fornitori per non perdere le materie prime necessarie e ottenere dilazioni di pagamento;
  • dipendenti per giustificare i tagli all’occupazione e richiedere maggiori sacrifici.

Altre attività da valutare in caso di crisi

Piano di risanamento aziendale
Descrivendo i successi del passato si evidenziano i punti di forza dell’azienda su cui far leva per il risanamento. Nell’analisi dell’ambiente esterno rientra anche l’analisi PEST (studio delle variabili in ambito Politico, Economico, Sociale e Tecnologico). L’obiettivo è capire come tali variabili, interagendo tra di loro, agiscono sul futuro dell’impresa e individuare le opportunità che possono essere colte per superare la crisi: dimensioni del mercato e tasso di crescita, concorrenza, potenziali acquirenti, innovazione del prodotto e buona reputazione del brand.

Risanamento e turnaround
La crisi d’azienda evidenzia un forte scostamento tra le performance economico-finanziarie effettivamente prodotte dall’impresa e quelle desiderate. Tale scostamento, con il passare del tempo, tende ad ampliarsi. Per contenerlo si può intervenire con sviluppando azioni in un arco temporale lungo:

  • rilancio dell’impresa,
  • joint-venture,
  • vendita,
  • locazione,
  • fallimento dell’impresa

In tale ambito grande importanza assume l’indice che misura le capacità finanziarie e patrimoniali dell’azienda e stabilisce se esiste un rischio più o meno elevato per una società di entrare in crisi. Gli indicatori utilizzati per valutare la performance di un’azienda sono:

  • ROS;
  • ROI;
  • Variazione media del fatturato;
  • Rapporto tra mezzi propri e capitale investito;
  • Rapporto tra risorse proprie e credito finanziario netto;
  • Copertura degli oneri finanziari;
  • Capacità di generare cassa.