+39 328 8480149 info@alicemente.it

Essere giovani e senza lavoro, in un contesto di recessione, significa dover necessariamente trovare la forza di emergere e lottare.

Da qualche parte, la grinta va trovata. Come in una partita di pallavolo. Il nervosismo ti sale dalle viscere, contraendoti lo stomaco per il malessere. Vince chi ha più fame.

La pallavolo mi ha insegnato il sacrificio, il dolore, l’amicizia, la gratitudine, il rispetto. Ma soprattutto mi ha insegnato che il raggiungimento di un traguardo avviene solamente attraverso grandi sofferenze. Non ricordo di aver raggiunto importanti obiettivi senza la sofferenza del passaggio.

A volte guardi gli avversari (che sono decisamente più forti di te…) e sono lì, proprio dall’altra parte della rete, che ti stanno schiacciando come una nocciolina. Poi succede qualcosa…T’incazzi, guardi le tue compagne e inciti il tuo corpo e la tua mente a svegliarsi da quel torpore in cui è momentaneamente caduta.

A volte si vince,  a volte si perde, ma l’eccitazione di aver lottato non te la toglie nessuno.

E in quel momento, anche gli avversari ti ringraziano di aver fatto fatica a raggiungere la vittoria…perchè se fosse stato troppo facile, non si sarebbero divertiti nemmeno loro.

Essere in proprio e alla ricerca di nuovi clienti, in un contesto di recessione, significa dover necessariamente trovare la forza di emergere e lottare. Lottare, lottare e di nuovo lottare.