+39 328 8480149 info@alicemente.it

Oggi vi racconto un caso semplice, ma istruttivo.

Roberta Zingale è una ragazza che è venuta ad un mio laboratorio di Ferrara. Sta fondando “Ciribiriccocolami”, una realtà di servizi per neo-mamme.

A laboratorio concluso ha messo in atto SUBITO alcuni consigli che le avevo dato.

Quello che mi stupisce sempre (e che è la mia passione) è proprio come dall’interpretazione personale dei consigli nascano SEMPRE degli aspetti migliorativi validi per tutti.

Da esperta di marketing gentile avevo solo suggerito di:

  1. approfondire l’aspetto dei desideri e delle paure del target (pubblico di potenziali clienti) appositamente scelto da Roberta.
  2. usare un semplice strumento per la creazione di questionari come “Google Moduli”.
  3. chiedere direttamente al pubblico senza paure. “Chiedere è lecito, rispondere è cortesia”

Risultati

➥ Roberta ha identificato su facebook una community di mamme emiliane (il suo target) di + di 2700 iscritte;

➥ Ha chiesto all’amministratrice del gruppo di poter inviare un questionario anonimo a tutte le partecipanti;

➥ Ha ottenuto 70 risposte. Che statisticamente parlando – per una che non aveva una direzione chiara – sono TANTISSIME. Ovvero un grande punto di partenza.

Quello che dovete “portarvi a casa” da quanto state leggendo è NON AVER PAURA DI CHIEDERE. LE PERSONE TENDENZIALMENTE AMANO DARE IL LORO CONTRIBUTO perché fa parte di uno dei 2 bisogni “superiori” dell’uomo.

Ecco la scaletta dei bisogni dell’uomo (Cit. Antony Robbins):

➥ I 4 fondamentali (primari): Certezza, Varietà, Importanza, Unione

➥ I 2 “superiori”: Contributo, Crescita

= le persone amano contribuire. Le fa sentire soddisfatte perché si inseriscono nell’ aspetto dell’Aiuto agli altri. E noi donne siamo al top su questo aspetto. Perchè è intrinseco al nostro DNA.

Siate delle antropologhe prima di tutto, non solo delle freelance e/o piccole imprenditrici.

Indagate i bisogni dei vostri potenziali clienti. Chiedete loro cosa vogliono davvero. Ve lo diranno gratuitamente.

Indagate la complessità dell’essere umano prima di investire tutto in strumenti digitali che ci promettono di far esplodere i nostri fatturati.

Be human.

Buon lavoro