+39 328 8480149 info@alicemente.it

Era tanto che non mi capitava e forse, in modalità così “accesa”, non mi era mai capitato. E’ successo nella vita professionale e anche in quella personale. Sono arrivati assieme, senza che io me ne accorgessi più di tanto. Fondamentalmente mi sono trovata a gestire delle situazioni conflittuali piuttosto intense in termini di dispendio di energie.

0001-66700389

Quando lavoravo come dipendente ho preso il buono che la mia Responsabile mi stava insegnando in quel momento e ho trasformato in meglio quello che ai miei occhi risultava inopportuno (in relazione ai suoi insegnamenti). E sottolineo, ai miei occhi = visione soggettiva.

Cercavo semplicemente di pensare un po’ più avanti di quell’istante momentaneo e un po’ più in là del medio-breve termine. Dal momento che la ruota gira, pensavo che trattare i fornitori con maniere più gentili rispetto a quello che facevano i miei capi, prima o poi, mi sarebbe stato d’aiuto. E così è stato.

Da quando ho iniziato a lavorare in proprio, questo modo di trattare le persone, qualsiasi persona si avvicinasse a me, è stato vincente. E oggi è stato ri-confermato. La conflittualità professionale mi è costata quasi un mese di energie. Ma fin dall’inizio, con pazienza, sentivo che se fossi riuscita a gestire la controparte con toni gentili, sarei riuscita a portarla “dalla mia parte”. Agli occhi dei più potrebbe sembrare interesse personale e invece, nel mio Paese della Meraviglie, c’è qualcosa di più autentico.

C’è la volontà costante di creare dei circoli virtuosi di persone, che sono in grado di crescere e far crescere a loro volta. Ne sono convinta al 1000 per 1000. Chi prova a spegnere i sogni (di tutti noi) è destinato a prendere delle grandi fregature. Perché la tenacia, può fare cose inenarrabili.

O.R. alla fine mi ha chiesto se potevo darle una mano con un cliente importante. Le ho risposto che per quel tipo di progetto sarebbero servite delle persone più specializzate sul territorio romano in cui il progetto era inserito. Io avrei potuto far emergere nel suo cliente alcuni aspetti che lui probabilmente aveva sottovalutato, ma per il resto, servivano delle persone del territorio.

Morale:

  1. abbiamo salvato la relazione portandola ad un livello superiore di quello iniziale,
  2. siamo state in grado di stimarci reciprocamente,
  3. ci creeremo delle opportunità di lavoro reciproche,
  4. Questo sì che è fare squadra.